Evasione fiscale a quota 91 miliardi

I dati sull’evasione fiscale nel nostro paese denotano che questa piaga sociale costa agli italiani 91 miliardi di euro l’anno ovvero il 7% del valore del PIL (Prodotto Interno Lordo).

Questi sono i dati comunicati dal Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan al Consiglio dei MInistri.

Il Ministro ha inoltre dichiarato che questa evasione deve essere combattuta con più forza e che tutti i proventi della battaglia devono essere impiegati per far pagare meno tasse a tutti quei contribuenti che si comportano in maniera corretta, tutto questo attraverso sconti e sgravi fiscali.

In particolare i dati sull’evasione hanno messo in risalto che al nord la percentuale degli evasori è pari al 53% dove il Gap tax relativo all’Irap, Irpef, Ires e Iva è di 47,8 miliardi, al centro è di 26 miliardi (23% del totale) ed i 20 miliardi del sud (24%).

I dati relativi all’evasione fiscale rilevata dall’Agenzia delle Entrate ammonta a 24,8 miliardi di euro con un aumento dell’88% in sette anni visto che nel 2006 era di 12,9 miliardi.

Sono presenti irregolarità nel 96% delle verifiche con una percentuale del 98% per le grosse imprese, 98,5 per le medie e 97% per le piccole.

Comunque il record assoluto tocca però agli enti commerciali con il 99,4%.

Padoan ha voluto specificare che non avverranno più condoni visto che dal momento dell’unità d’Italia ce ne sono stati più di 80.

Questa situazione potrebbe aprire ottime fonti di guadagno con le opzioni binarie sul mercato dei broker forex.