L’Agenzia delle Dogane chiede l’adeguamento della tassa sulla fortuna

Sono rimasti poco più di venti giorni alla scadenza fissata dall’Agenzia delle Dogane riguardante l’adeguamento deciso per le slot machine nelle sale e le slot machine online per renderle in grado di prelevare il 6% su tutte le vincite superiori ai 500 euro.

Questo è quello che chiede l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli attraverso una comunicazione ufficiale, attraverso questa l’agenzia chiede a tutti gli operatori delle sicure assicurazioni entro il 3 del mese di giugno, tutti gli operatori di sale o casino online dovranno mettere in campo in tempi brevissimi l’adeguamento e la messa in opera di tutti i sistemi di gioco Vlt in ogni singolo apparecchio e componente.

Ora prima della scadenza definitiva è presente ancora una tappa intermedia, a fine maggio vi sarà un incontro fra gli addetti dell’Agenzia e quelli degli operatori, il tutto per fare un punto della situazione e verificare inoltre gli eventuali problemi degli operatori, si verificherà inoltre l’andamento di tutte le operazioni di adeguamento.

Oltre questo fra poco ci sarà l’udienza della Corte dei Conti che si dovrà pronunciare sulla legittimità di tutta la norma.

La così detta “Win Tax” è una delle norme per il settore che sono state introdotte dal nuovo Governo durante la manovra estiva del 2012, tutta la tassa avrebbe dovuto garantire un gettito di 450 milioni di euro in tre anni ma il tutto non è mai effettivamente partito dopo che il TAR del Lazio, nel gennaio del 2012 aveva raccolto i ricorsi presentati dai vari operatori del settore delle Vlt rimandando ovviamente la discussione alla Corte dei Conti.

Si stima che questo ritardo abbia dato una mancanza di incassi all’erario per circa 100 milioni di euro l’anno e comunque continuiamo a notare che ci sono troppi ritardi e aiuti alle lobby del gioco d’azzardo, restiamo sempre del parere che lo stato, giorno dopo giorno stia continuando a collezionare figuracce che secondo noi non dipendono da incompetenza del singolo.